La salute della pelle e i deficit nutrizionali

La salute della pelle e i deficit nutrizionali

La pelle si estende per 2 metri quadrati e ha un peso di circa 5-6 Kg.

L’età così come le caratteristiche genetiche individuali, l’esposizione alla luce solare e le abitudini alimentari sono i fattori principali che condizionano lo sviluppo e la salute della pelle.
La pelle ha il proprio sistema endocrino e immunitario ed è l’organo più distale dal cuore. I suoi requisiti nutrizionali sono essenziali per la rigenerazione e la sostituzione degli strati protettivi.
La pelle quindi rappresenta uno specchio dello strato nutrizionale dell’individuo.

Alcuni deficit nutrizionali possono essere causa di manifestazioni patologiche della pelle.
Quali alimenti possiamo e dobbiamo assumere quindi per la salute e la bellezza della nostra pelle?

ACIDI GRASSI ESSENZIALI (Omega 3,6,9)
Un deficit di questi può causare: xerosi, dermatite squamosa, eritema diffuso, ritardo nella guarigione delle ferite, alopecia.
Li troviamo in: pesce azzurro, frutta oleosa, oli vegetali o integratori specifici.

VITAMINA A
La sua carenza può determinare ipercheratosi follicolare. La troviamo nel fegato, albicocche secche, carote crude, burro, peperoni piccanti, uova, pomodori, zucca gialla, radicchio, mango, spinaci, integratori vitaminici.

VITAMINA B1 O TIAMINA
La sua carenza dovuta da una dieta carente o a un’intossicazioe da alcool o ipertiroidismo, gravidanza, allattamento o febbre, per maggiore fabbisogno, può causare il Beriberi, edema del volto, diminuzione della sudorazione o iperidrosi, atrofia della pelle con perdita dell’estremità distale dei capelli.
La Vitamina B1 la troviamo in: carne di maiale, soia secca, farina di soia, crusca di frumento, noci secche, lievito di birra, piselli secchi, integratori di vitamine del gruppo B.

VITAMINA B2 o Riboflavina
La carenza di questa vitamina può determinare Dermatite seborroica naso-labiale, di narici, fronte, guance, zone auricolari posteriori, aree di flessione degli arti e nelle pieghe genitali.
Gli alimenti che la contengono sono: fegato, latte vaccino, lievito di birra, muesli, carne di maiale, alcuni formaggi, mandorle secche, o integratori di vitamina del gruppo B.

VITAMINA B3 o NIACINA
Importante per il metabolismo cellulare e nelle reazioni di ossido-riduzione un tempo la sua carenza era associata alla Pellagra.
La carenza può dare dermatite pruriginosa dolorosa sulla pelle esposta al sole, pelle squamosa, secca, atrofica. L’esposizione al sole porta alla dermatite con eritema e iperpigmentazione.
Fonti: carne di tacchino, carne rossa, carni in generale, acciughe, tonno, pesce spada, salmone, cereali integrali, latte e formaggi, integratori di vitamina del gruppo B

VITAMINA B9 o FOLATO
Una carenza può determinare lacerazione perirettale, dermatite seborroica perineale, diffusa iperpigmentazione marrone concentrata nelle pieghe palmari e nelle zone di flessione.
Alimenti che la contengono: asparagi, broccoli, carciofi, cavolini di Bruxelles, cavolfiori, cereali da colazione, avocado, bieta, fagioli, ceci, lenticchie, piselli, kiwi, noci, mandorle, nocciole, pane e pasta integrali, rucola, pomodorini ciliegini, spinaci, uova, o integratori di vitamina del gruppo B.

VITAMINA B12
Una carenza può causare iperpigmentazione cutanea diffusa, macule, vitiligine o ipopigmentazione.
La troviamo in: carne, pesce, uova, latticini, integratori di vitamina del gruppo B.

VITAMINA K E VITAMINA C
Un deficit può dare alterazione della coagulazione con petecchie cutanee cioè microemorragie.
La vitamina K la troviamo soprattutto negli ortaggi a foglia verde (come spinaci, broccoli, asparagi, crescione, cavoli, cavolfiore, piselli).
La vitamina C è presente invece nei frutti freschi (quelli aciduli, agrumi, ananas, kiwi, fragole, ciliegie ecc.), in alcune verdure fresche (lattuga, radicchi, spinaci, broccoletti ecc.), in alcuni ortaggi freschi (broccoli, cavoli, cavolfiori, pomodori, peperoni).

RAME, FERRO E ZINCO
Anche questi minerali possono provocare vari disturbi della pelle.
Li ritroviamo in: cacao amaro, cioccolato fondente e nelle nocciole, mandorle e noci

“La bellezza è salute interna ed esterna.”

La GENOMICA al servizio dell’ESTETICA

La nuova frontiera della Medicina estetica personalizzata è l’esame del DNA per valutare e prevenire l’invecchiamento cutaneo.

L’invecchiamento è un fenomeno naturale del nostro corpo. L’invecchiamento della pelle, in particolare, oggi è riconosciuto come un fenomeno multifattoriale che dipende da fattori ambientali e genetici. I fattori ambientali meglio conosciuti sono il crono-invecchiamento (il passare del tempo), il foto-invecchiamento causato dall’azione dei raggi solari sulla pelle ed infine lo stile di vita: alimentazione, attività fisica, fumo, farmaci, possono contribuire ad un’accelerazione del processo di invecchiamento della pelle.

A tutt’oggi sono stati identificati numerosi fattori genetici presenti nel DNA che rendono la pelle e i tessuti più o meno sensibili ai fattori esterni. La medicina estetica può correggere molti effetti dell’invecchiamento sulla pelle, tuttavia la genetica ci offre la possibilità di intervenire in modo mirato sulle cause che favoriscono il processo di invecchiamento tissutale.

Grazie a un semplice prelievo di saliva con un tampone, oggi è possibile effettuare un test genetico che permette di integrare le principali aree di debolezza dei componenti fondamentali della struttura cutanea individuando sul proprio DNA i fattori responsabili dell’invecchiamento a cui la pelle è maggiormente sensibile (stress ossidativo, infiammazione, glicazione).

Il test del DNA Skin Aeging fornisce informazioni sugli effetti delle variazioni genetiche sulla salute della pelle: in questo modo è possibile migliorare il futuro della propria pelle, ritardando gli effetti dell’invecchiamento.

Le aree indagate dal test Skin Aeging sono:

  • Struttura della pelle (produzione di collagene ed elastina e rimodellamento tissutale.)
  • Infiammazione e rischio di invecchiamento prematuro
  • Radicali liberi e rischio allo stress ossidativo
  • Rigenerazione cutanea, funzionalità del microcircolo, Cellulite 
  • Capacità detossificante
  • Sensibilità al Nichel
  • Glicazione avanzata ed elasticità cutanea
  • Film idrolipidico (pelle grassa, acne etc.)
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla Newsletter

Newsletter

Iscriviti per ricevere i nostri ultimi contenuti via email.

Non ti invieremo spam. Potrai annullare l'iscrizione in qualsiasi momento. Powered by ConvertKit

NUTRITI & PREVIENI – Convegno AMARE 2018

NUTRITI & PREVIENI – Convegno AMARE 2018

DNA TEST: Scopri i segreti nascosti nei tuoi geni

DNA TEST: Scopri i segreti nascosti nei tuoi geni

Test Prenatale Panorama

Test Prenatale Panorama

La nuova generazione di Screening Prenatale Non Invasivo su DNA fetale già dalla 9a settimana di gestazione

Prossimamente: Cibo e Benessere a Scuola

Prossimamente: Cibo e Benessere a Scuola

Prevenzione e benessere attraverso la giusta alimentazione e il corretto stile di vita

2° Convegno AMARE ediz. Essere & Benessere

2° Convegno AMARE ediz. Essere & Benessere

Scarica il video del convegno

Sede ambulatorio privato Via Carlo Collodi 32 b Città di Castello (PG) Cell. 3482887300

Categorie