La Melatonina e la sua azione Anti-aging

La Melatonina e la sua azione Anti-aging

La Melatonina è prodotta dalla ghiandola pineale a partire dal triptofano passando per la serotonina, ma è stata ritrovata anche in altri tessuti (retina, cute, intestino, fegato, reni, tiroide, pancreas, cellule del sistema immunitario etc.) ed è inoltre presente in tutti i liquidi biologici.Biologicamente possiamo considerare quindi la melatonina come un mediatore universale che possiede un’azione regolatoria su molteplici funzioni.

La produzione di melatonina raggiunge un picco intorno al terzo anno di età ma dopo i 40 anni si ha un calo significativo.
La sua sintesi avviene in assenza di luce raggiungendo un picco tra le 3 e le 4 di notte.


La letteratura scientifica conferma che esistono molteplici correlazioni tra la melatonina e il processo di invecchiamento.
Infatti sia la produzione che la capacità funzionale della ghiandola pineale diminuiscono con l’età. E’ evidente da ricerche recenti che sia l’integrità del genoma che le funzioni metaboliche possono risentire della soppressione della sintesi della melatonina durante il ritmo circadiano influenzato dall’esposizione alla luce nel corso della notte (“light-at-light”).
L’invecchiamento quindi risentirebbe della progressiva perdita della capacità di mantenere stabili i ritmi a livello molecolare e cellulare. Il ruolo anti-aging della melatonina sembra quindi essere in relazione alla proprietà di sincronizzare l’orologio biologico a livello genomico, ormonale e metabolico.

Inoltre la melatonina è capace di altri effetti antinvecchiamento come:
-Azione antiossidante e protettiva dell’integrità mitocondriale;
-Azione contrastante l’invecchiamento cerebrale e i processi neurodegenerativi;
Azione immunomodulante e potenziativa della funzione immunitaria;
-Azione antitumorale immunomediata
-Azione antagonista della resistenza insulinica e azione regolatrice del metabolismo
-Azione protettrice sulla ghiandola pineale stessa
-Azione anti stress

Le indicazioni all’uso della melatonina secondo la medicina basata sull’evidenza sono:

  • Sindrome da jet-lag e disturbi del sonno;
  • Regolazione del sistema Psico-neuro-endocrino-immunitario (PNEI)
  • Sindrome da stress cronico, ipercorticosolemia;
  • Stress ossidativo;
  • Malattie neurodegenerative (M. di Alzheimer, M. di Parkinson, demenza senile);
  • Regolazione del metabolismo dell’insulina e azione antidismetabolica;
  • Sindrome da sovrallenamento negli sportivi;
  • Insufficienza epatica;
  • Supporto terapie anti-tumorali in particolare ginecologiche e urologiche.

Alimenti che contengono melatonina o triptofano il suo precursore, sono: noci, banane, ciliegie, uva, mais, uova, riso, mandorle.
Anche l’esposizione a luce intensa al mattino e l’addormentarsi completamente al buio, favoriscono la giusta produzione di melatonina.
Per l’assunzione di melatonina, per decidere la modalità e il dosaggio, viste alcune controindicazioni e la possibile comparsa di effetti collaterali, rivolgersi sempre al medico specialista.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla Newsletter

Newsletter

Iscriviti per ricevere i nostri ultimi contenuti via email.

Non ti invieremo spam. Potrai annullare l'iscrizione in qualsiasi momento. Powered by ConvertKit

NUTRITI & PREVIENI – Convegno AMARE 2018

NUTRITI & PREVIENI – Convegno AMARE 2018

DNA TEST: Scopri i segreti nascosti nei tuoi geni

DNA TEST: Scopri i segreti nascosti nei tuoi geni

Test Prenatale Non Invasivo

Test Prenatale Non Invasivo

La nuova generazione di Screening Prenatale Non Invasivo su DNA fetale già dalla 10a settimana di gestazione

Prossimamente: Cibo e Benessere a Scuola

Prossimamente: Cibo e Benessere a Scuola

Prevenzione e benessere attraverso la giusta alimentazione e il corretto stile di vita

Sede ambulatorio privato Via Carlo Collodi 32 b Città di Castello (PG) Cell. 3482887300

Categorie